Archivio blog

domenica 30 dicembre 2007

La Natalina

E’ andata! La Natalina costituisce il mio esordio nelle gare podistiche, vabbè a onor del vero devo parlare di mezzo esordio visto che ho corso la non” competitiva”, ma per il sottoscritto questa era una tappa importante, un obiettivo anche se piccolo,da raggiungere.
L’atmosfera che si respirava prima della partenza mi ha riportato indietro negli anni (venti, sigh!!), mi ha portato al ricordo di quel giorno, quando ragazzetto, calzate le scarpe chiodate, affrontavo l’ultimo giro della morte, l’ultimo 400, l’ultima gara. Quei gesti che si sono ripetuti, gli ordini dello speaker, lo sparo dello starter, mi hanno dato una voglia e una carica in più.
Già, quell’ultima gara, la ricordo come oggi, volevo stupire, volevo stupirmi, volevo terminare la mia carriera da atleta con un tempo straordinario, avevo deciso di partire forte come se non fosse una gara di 400 m, ma un 200 e resistere fino alla fine. Così feci, primi 200m a tutta birra, ai 250 m iniziai a soffrire, ai 300m cominciai a cedere, il giro di pista non finiva mai, quel tempo e quella distanza sembravano enormi. Arrivai al traguardo sfiancato, senza ossigeno, barcollando, ma avevo fatto il personale!
Quell’ultima gara….. Poi con il passar degli anni mi sono dedicato esclusivamente alle gare enogastronomiche che hanno portato negli ultimi dieci anni ad un deciso crollo fisico. Sono arrivato a pesare 110Kg per 180 cm di altezza, un po’ troppo, dovevo far qualcosa, muovermi, fare dello sport oppure una dieta. Una dieta? Io? Nooo! Impossibile! L’unica via era lo sport, riniziare a correre sembrava un’impresa e oltretutto avevo una sorta di rigetto, un blocco psicologico, forse dettato dai tosti allenamenti fatti in gioventù. Poi grazie al mio amico Micio (lui integerrimo professionista dello sport) che mi ha spronato e che mi ha seguito nei primi tentativi, ho riniziato a corricchiare.
Sinceramente i miei obiettivi non sono quelli di partecipare alle maratone o raggiungere chissà quali tempi, il mio obiettivo principale è quello di trovare quantomeno una forma fisica accettabile, una forma fisica che ti far star bene con il corpo e con la mente.
Ho iniziato a fine ottobre, pesavo 110 kg ora ne peso 100, sono ancora tanti, devo ancora scendere(i prossimi sono difficili) ma comincio ad essere soddisfatto, inizio a vedere qualche risultato senza aver fatto grandi sforzi dietetici, certo sto attento (tranne in questo periodo, ahimè), cerco di non esagerare con le porzioni .
Le gare, gli obiettivi, anche se non d’importanza rilevante ai fini sportivi costituiscono tappe fondamentali per avere degli stimoli. Stimoli che ti fanno andare avanti, che determinano la costanza.
Ora il prossimo obiettivo sono i 4 km della “non competitiva” della Roma Marathon!
Poi chissà, vediamo, l’appetito vien mangiando…

sabato 29 dicembre 2007

Una strana gara!


Auguri


lunedì 24 dicembre 2007

Natale 2007

Ciao a tutti i blogghisti e colgo l'occasione per salutare il grande amico e collega marco per fargli gli auguri cosi come a tutti voi di un sereno e buon Natale e un 2008 pieno di successi sportivi e personali per tutti voi e le vostre famiglie, a presto GIANLUCA

Auguri!




mercoledì 19 dicembre 2007

Il malato immaginario

Poco tempo fa, commentando su un blog amico l'uso di pomate canforate per combattere il freddo, spavaldamente, avevo affermato che qui a Roma, dato il clima, si e no le avrei usate non più di un paio di volte. Ebbene!... Me la sono cercata! Il freddo è arrivato e mi ha subito castigato.
Lunedì sono uscito per un "lungo" con i miei bei pantaloncini corti, leggeri e aderenti, non sembrava facesse poi così freddo se nonchè arrivato al punto del non ritorno (Chissà come mai gl' inconvenienti capitano sempre nel momento in cui sei più lontano da casa!) alla "Macchia del Barco" il tempo è peggiorato e si è alzato un vento gelido che tagliava la faccia. Nel tardo pomeriggio ho cominciato ad accusare un dolore alla chiappa sinistra.....ehm sorry!..... volevo dire al gluteo sinistro, soprattutto stando seduto.
Sciatalgia?... Ernia al disco?... Artrosi all'anca?... Artrosi lombo-sacrale, pancreatite, gastrite, epatite, duedenite, chiappite o testicolite? Insomma, sono iniziate le pippe mentali: "adesso che sarà?..... Vuoi vedere che mi devo fermare!... Non posso più correre!... Se continuo può peggiorare!... Per di più, leggere i post di Gianluca (Colgo l'occasione per salutarlo), che combatte con i suoi problemi alla schiena, non ha fatto altro che aumentare le mie preoccupazioni.
Approfondimenti su internet non li voglio più fare. Quando mi è stata riscontrata una condriopatia al ginocchio destro, ho approfondito l'argomento sui siti specializzati, roba da sdraiarmi sul letto e non forzare il ginocchio nemmeno per andare al bagno. Da ciò capite che tipo sono.
Ora mi stò preparando per andare a trascorrere il Natale dalle mie parti, su al nord (Chissà che freddo!), ho un mucchio di cose da sbrigare prima di partire: il tagliando della macchina, l' ICI, la rata del mutuo, la bolletta dell'acqua(Marco pagala!!!), i regali per i nipoti. Mentre mia moglie è tesa come una corda di violino perchè non sa cosa mettere nelle valige, i figli eccitati perchè non vedono l'ora di giocare con i cugini, i miei pensieri sono: "Ma quando mi alleno?!.... Ma se sù fa tanto freddo sarà il caso di correre?... Troverò il tempo tra un cenone e l'altro?...
Secondo voi sono un caso disperato?
..Spingetemi a correre!..
Con l' occasione auguro a tutti buone feste !
Non esagerate con i panettoni!(Capito!... Marco!)
Appuntamento dopo Natale.

domenica 16 dicembre 2007

Schegge 2007

video

venerdì 14 dicembre 2007

BRACCIANO

Eccomi qui ragazzi la gara di Bracciano per il sottoscritto è stata un calvario; dopo il primo km con il passaggio di 4,15 è rispuntato un dolore enorme all'altezza del lombo della schiena tanto che il secondo km in discesa mi è venuto 5,40 mentre mi sono ripreso un po negli ultimi 2,600 metri in salita per arrivare sul traguardo posto davanti il bellissimo municipio del paese. Finendo la fatica come ha scritto il buon Marco a 44' e 44'' comunque sufficiente per terminare al 4° posto societario della classifica generale e al primo di categoria, perché per quest'ultima prova per me era sufficiente arrivare al traguardo per prendere punti. Comunque il percorso era veramente bello con un inizio in leggera ascesa per 400 metri circa e poi è iniziata una discesa di circa 3km poi circa 2.4 km di pianura e per finire un salitone finale di 2.6 dove per molti concorrenti ha fatto la differenza, mentre per me è stata fatale la discesa molto ripida dove la mia schiena non ha retto a dovere, ora è una settimana che sto a riposo e spero in questa settimana di fare un massaggio e di partecipare a Monterotondo, ma credo che parteciperò solo se potrò dare il massimo! Comunque sarò presente non posso perdermi l'esordio di Marco e mi raccomando accorrete in molti è una gara veramente bella e suggestiva dove nel vecchio percorso ho un personale di 41'04" difficilmente avvicinabile in questo momento.

domenica 9 dicembre 2007

La Natalina


La classica Natalina, gara podistica per eccellenza del comune di Monterotondo (Roma), si svolge quest’anno il 30 dicembre e giunge alla 28^ edizione, gara che impegnerà gli atleti su un tracciato di 10Km.
Un applauso va all’Atletico UISP di Monterotondo, il quale ogni anno si sobbarca l’onere impegnativo dell’organizzazione con risultati sempre eccellenti.
Da rilevare lo scopo benefico della manifestazione, parte dell’incasso ricavato dalle iscrizione per la gara non competitiva, vanno in donazione alla CHELIDON Onlus – Associazione per la prevenzione del tumore al seno, pertanto ci si aspetta una massiccia presenza e partecipazione.
Segnalo, inoltre, che quest’anno a causa dei lavori persistenti in viale B. Buozzi, la partenza e il tracciato sono stati modificati rispetto agli altri anni. Quest’anno il ritrovo e partenza sono previsti presso lo stadio Fausto Cecconi.
Tutte le informazioni riguardanti le iscrizioni ed altro le potete trovare qui.

giovedì 6 dicembre 2007

bracciano

un saluto da Gianluca, come va? spero tutto bene, ma non per il sottoscritto ancora alle prese con un fastidioso mal di schiena, ma domenica parteciperò alla gara al lago di Bracciano ultima gara per il 2° torneo fiamme gialle simoni, sarà una gara durissima dicono con molte salite ma invito tutti i blogghisti del lazio a partecipare. Per arrivare prendere la Cassia bis dal raccordo uscita uscita Bassano romano e al bivio girare per trevignano Bracciano, speriamo che saremo in tanti alla partenza e do a tutti appuntamento a lunedi sul blog per il commento e un saluto in particolare a Marco per il quale si avvicina l'esordio nella famosa natalina di Monterotondo del 30 dicembre 2007!

lunedì 3 dicembre 2007

La mia Domenica al parco dell' Aniene

Gara affascinante!
Il cross lo è già di per sé, questa lo è stata particolarmente, per il tracciato molto bello, completamente delimitato da un nastro e reso ancora più impervio dal fondo fangoso e scivoloso. Numerosa l’ affluenza, anche perché si è trattata di una tappa del circuito “Corri per il verde” che a vedere dal numero dei partecipanti ha riscosso un notevole successo.
Nonostante siamo arrivati con largo anticipo, ho iniziato la gara, praticamente, senza riscaldamento perché inaspettatamente, ho incontrato diverse persone che conoscevo e tra una chiacchiera e l’ altra è giunta l’ ora della partenza.
BANG ! Una fiumana di gente, che potete verificare attraverso l’ ottimo video girato da Marco (foto, video e resoconto della manifestazione, cosa possiamo offrirvi di più?!). Parte iniziale faticosissima, per via della ressa e del passaggio, obbligato, attraverso un boschetto seguito da uno strappetto in salita che si è fatto subito sentire nelle gambe, per di più con l’ erba resa scivolosa dall’ umidità che nella seguente discesa ha fatto correre non pochi rischi di caduta a chi l’ ha affrontata. Il rettilineo in campo aperto con ritorno dal lato opposto mi ha permesso di apprezzare il ritmo e l’ eleganza dei battistrada che dopo pochi minuti di gara avevano già preso un considerevole vantaggio, la soddisfazione è stata quella, una volta, raggiunto l’ altro lato del campo, lungo l’ Aniene vedere quanta gente ho lasciato dietro di me e ciò mi ha galvanizzato, dato che ho sempre il terrore di arrivare ultimo.
Primo passaggio sul traguardo (la gara consisteva nel ripetere due volte lo stesso circuito) intorno ai 15 minuti con l’ obiettivo di mantenere lo stesso ritmo fino alla fine.
Il secondo giro, è inutile sottolinearlo, si è trattato di sofferenza pura che ho sopportato grazie alla presenza, qualche metro dietro,di una persona che stimo moltissimo e che potete riconoscere nelle foto della gara, posare con me. Con l’ occasione vorrei fargli i miei complimenti in quanto, nella sua categoria, è uno degli atleti più forti che abbia mai visto.
Comunque, concludendo la gara in 29’04” mi posso ritenere più che soddisfatto anche se onestamente mi sarei risparmiato l’ ennesimo sprint finale che mi ha costretto a fare un avversario che mi seguiva.

Terza tappa Corri per il Verde

Domenica si è svolta una delle tappe Corri per il verde, nello splendido scenario naturale nel parco dell’Aniene. Corri per il verde, un'iniziativa lodevole, tesa a far avvicinare e sensibilizzare le persone ai problemi ecologici e nel contempo apprezzare la bellezza di alcuni parchi presenti nella capitale.
La gara, che si è svolta in una giornata tipicamente anglosassone, cielo grigio e fine pioggerella, ha visto la partecipazione di circa trecento atleti per gli assoluti maschili e circa un centinaio per gli assoluti donne. Gli atleti si sono dati battaglia su un tracciato di corsa campestre lungo 3350 m, percorso per due volte dagli uomini per una distanza totale di 6700 m, una volta per le donne.
Ai primi tre posti della gara maschile assoluti si sono piazzati rispettivamente: Troia Daniele dell’ATLETICA STUDENTESCA CA.RI.RI, Monteforte Massimiliano della RUNNING CLUB FUTURA e infine, al terzo posto, Carboni Francesco della S.S. LAZIO ATLETICA.
I primi tre posti della categoria assoluti femminile vanno rispettivamente a: Farruggia Jocelyne della GIOVANNI SCAVO 2000 ATLETICA, Palamara Elisa dell’ACSI CAMPIDOGLIO PALATINO, D'Adamo Valentina dell’ ATERNO PESCARA.
Ottima la prestazione del nostro blogghista “Micio” che si è piazzato al 121° posto, respingendo stizzito l’attacco in volata di un altro atleta, dimostrando carattere e ancora tanto fiato da spendere, bravo!
Non mancano, comunque le note dolenti per questa manifestazione, in primis la mancanza di un responso cronometrico individuale, dato importante per gli atleti perché si concorre più contro i propri limiti che non per la posizione.
Inoltre, giunge voce di uno strano episodio accaduto che, se vero, mette in dubbio la validità della gara.
Si riferisce, infatti di un’atleta con tanto di pettorale che, una volta partita la gara, ha chiesto lumi sul percorso…..poi inspiegabilmente è arrivato al traguardo classificandosi non tra i primi posti ma garantendo comunque punti alla sua società, che abbia saltato un giro? Viva lo spirito amatoriale e decubertiano!